Forum Scrittori

Notifiche
Cancella tutti

Craccare Algoritmo Amazon  

   RSS

0

Conoscete un modo per craccare l'algoritmo di Amazon e finire nella TOP 10? Ho letto di alcune persone che ci sono riuscite e hanno venduto così tantissime copie dei propri romanzi.

Grazie

Andrea

Andrea Bindella

Etichette discussione
3 Risposte
3

Ciao Andrea,

premettendo che per craccare davvero l'algoritmo serve un buon libro, che vende e ottiene molte recensioni, certamente è possibile lavorare sul posizionamento per ottenere una maggiore visibilità. Innanzitutto, bisogna curare attentamente i metadati relativi a una pubblicazione, studiare come i lettori arrivano a libri simili al proprio e quindi scegliere accuratamente come catalogarlo. Si può inoltre lavorare al di fuori di Amazon ottenendo molti clic alla pagina di vendita. Si dice che se senti parlare di un prodotto per 3-7 volte in luoghi differenti alla fine sarai invogliato a comprarlo, indipendentemente da ciò che ne pensi... Il resto, per tornare ai libri, dipende dalle doti di scrittura dell'autore. 

@sonia

la penso come te 🙂

0

Ci sono autori che comprano le recensioni, pagando il libro a parenti e amici, ci sono gruppi di scrittori che si comprano i libri a vicenda mettendosi poi valutazioni stellari. Tutte cose piuttosto tristi.

"Craccare" però è un termine importante nell'informatica, significa entrare nel sitema di Amazon, mettere mano all'algoritmo e mettersi a piacimento le recensioni e magari posizionarsi al primo posto manualmente. Su questo non ho mai sentito niente, parliamo del più grande portale del mondo...

0

Io penso si riferisse semplicemente a un modo "comodo" per finire in testa alla classifica dei consigliati.
Come già espresso da altri, il miglior metodo è quello di ottenere recensioni. Non bisogna per forza pagarle, né scadere nel "io ti faccio un favore tu ne fai uno a me".
Ritengo pure che il marketing sia molto più importante nell'ottenere vendite, click e recensioni di quanto sia l'effettiva qualità del prodotto.

@giovannisi, penso anch'io che il saper vendere spesso sia più determinante rispetto alla sola qualità del libro. Anche nel settore dei libri, però, quello che conta sono i risultati di lungo periodo, il legame che si crea tra un autore e il suo pubblico...insomma, se con un abile azione di marketing si rifila un libro scadente, questo legame si spezza e, potenzialmente (per stare all'oggetto del quesito) possono esserci risvolti negativi in termini di recensioni negative, con conseguente crollo in classifica...Tutto questo per arrivare alla retorica del buon senso, che vale anche nel settore dei libri: serve un mix di qualità e marketing!

@giovanni concordo, ma quello è un modo tutt'altro che comodo, anzi bisogna farsi un "mazzo" così proprio a livello di marketing. I modi "comodi" per aggirare l'ostacolo sono quelli che ho scritto io e sono parecchio diffusi purtroppo. Dico così perché portano in alto opere di valore assolutamente scarso facendo perdere di credibilità alla classifica e alle recensioni stesse di Amazon. Perché poi la gente che si fida, compra e legge una schifezza se ne accorge. Come diceva Tiziano bisogna sapersi promuovere bene, ma anche proporre un prodotto di buona qualità, se no il gioco delle recensioni viene a cadere in fretta.

Comunque per il marketing possiamo continuare nell'apposita discussione, qui l'oggetto era se si può "craccare" l'algoritmo di Amazon e, nel senso stretto del termine, la risposta è no.

Condividi:

Send this to a friend