Forum Scrittori

Specie di genere ne...
 
Notifiche
Cancella tutti

Specie di genere nelle razze fantasy  

   RSS

1
Topic starter

Ho una domanda per gli scrittori Fantasy.
Quando dovete genericamente riferirvi a un protagonista appartenente a una razza fantastica non umana, che termine è corretto usare secondo voi?
Faccio un esempio: se il mio protagonista è un elfo di giovane età, potrei usare "il ragazzo" per indicarlo, ma se è un adulto è corretto dire "l'uomo"? O dovrei usare l'elfo maschio, che suona malissimo?

3 Risposte
1

Ciao Alessandro. Io personalmente non ho ancora risolto del tutto l'arcano, cerco di non usare "uomo" per quanto possibile (a volte lo faccio) e nel caso specifico di "ragazzo" metterei giovane elfo. Per variare utilizzo il nome proprio o la professione: mi riferisco in particolar modo ad uno dei personaggi di una mia serie, un Assassino Elfo. Elfo, nome proprio, assassino.

1

Secondo me con le razze più familiari ai lettori (elfo, nano) potrebbe essere sufficiente usare "l'elfo" quando ci si si riferisce a lui (o l'elfa se è una lei, come suggeriva Micol). Anche la professione o qualche altra caratteristica saliente può essere utilizzata per indicare il personaggio: tornando all'esempio di Micol, una volta inquadrato che l'elfo è un assassino, posso per non ripetemi dire: "l'elfo", "l'assassino", ed usare il nome proprio (se l'abbiamo già menzionato nel racconto).
Diventa più difficile quando si tratta di razze create ad hoc per il racconto dall'autore (come gli urgali ed i razac di Eragon), in quel caso potrebbe essere utile mettre qualche riferimento ai tratti identificativi razziali, per lo meno fintanto che il lettore non ha preso familiarità col personaggio. 

0

Non mi intendo di fantasy, provo comunque a dare un contributo alla discussione: riguardo all'età, qualche indizio si potrebbe dare nel corso delle narrazione e dire, ad esempio "un elfo di 13 anni) e successivamente chiamarlo "il giovane elfo".

Relativamente al genere, non saprei, ma anche qui nel corso della narrazione si potrebbe precisare il sesso (es. Es. "Marta era un elfo, madre di Pippo e Pluto) e poi chiamarla semplicemente elfo...

 

Onestamente, penso che qui ci dividiamo tutti in due classi dove non vige obbligatorietà. Ne parlavo in un'altra occasione con Alessandro, io sono del team "elfa" e non "donna elfo" 🙂 

Si, direi che con Elfa, Nana, ecc si semplificano molte cose 😀 

RISPONDI
Condividi:

Send this to a friend